Metropolis Show – Voci alla Radio

Posted on 10 February 2015   Artists, Books, News, Radio
Metropolis Show - Voci alla Radio, 9.2 out of 10 based on 6 ratings
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 9.2/10 (6 votes cast)

Mario Marcello interviste per WebMetropolis

Metropolis Show: canticchiando un vecchio ritornello

90 anni della Radio

il 6 ottobre 1924, andò in onda la prima trasmissione radiofonica. Quante giornate passate ad ascoltare brani, a ballare, ad immaginare i volti degli attori negli sceneggiati.
90 anni di vita accompagnati da note, storie, radiogiornali, interviste, classifiche. 90, eppure così pochi. La radio stimola l’immaginazione, che è poi quel processo chimico attivo, dove le voci, studiate e ben modulate (ah! La dizione!), suggerivano figure ed intere scenografie. Eppure, erano soltanto “delle voci”.
La voce come venticello, il suono della voce, la vibrazione che l’anima attribuisce ad una modulazione vocale. L’empatia.
Un procedimento creativo, su binario parallelo alla lettura, dove nulla è ovvio e palese come le immagini alla televisione. Tutto è meravigliosamente soggettivo. Ed i cattivi diventano adoni, grazie alla baritonalità della voce.
radio-aparat

Le canzoni

E le canzoni? Ne vogliamo parlare?
Tenori e tenorini sfavillavano dietro quella scatola messa in bella vista nelle case. La mia insegnante di canto, il soprano Silvana Cerra, mi raccontava di quanto accadesse che voci meravigliose alla radio, idealizzate dall’ascoltatore, poi venissero gettate in un quasi totale baratro di fischi, per “colpa” di una fisicità non proprio abbinabile ed obiettivamente insignificante, al momento della “agognata consacrazione” a teatro.
E quanti mestieri e maestranze sono nate in quegli attimi di insuccessi; pensiamo agli Stylist, agli studi di mercato. Al Photoshop!
Ma, divagando e raccontando, ripercorreremo meglio nei prossimi giorni, questo regalo fatto all’umanità; di uno strumento tattico durante le guerre, di frasi e termini da comprendere in caso di intercettazioni, di stupore, di creatività. Si, perché, nonostante tutto, è la televisione che ci ha resi pigri ed annoiati dalle troppe… troppe offerte e canali. Dalle immagini che ci vengono gettate, sottolineando un nostro ruolo passivo.
Tante strade e tanti percorsi che dal viale dell’inventor Marconi (considerato anche colui che ha dato ad uno studio di fine ‘700 una veste ed un uso di larga scala), ci condurranno su di una planimetria immaginaria di emozioni, ricordi, scoperte e tante… tantissime storie.
“Qrrrr… trrr… fkrrrr…” – e dalle interferenze di intrecci ed onde radio della vostra amata Metropolis degli Artisti, un invitante e cordiale :” Buon viaggio!”

Mario Christos Marcello

Lettura consigliata:
La Storia della Radio – La Nascita
La Storia della Radio – Gli Anni della Radio

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +4 (from 4 votes)

Build your career with us!

Tools and useful tips for Artists. Build your career using Social Media like a PRO. All you need to know about Facebook, Twitter, Google+, Periscope and LIVEs. All FREE! Gift included!

We respect Privacy. All your data are protected. No spam!

(Visited 1 times, 1 visits today)